la tua guida alla città d'oro

Sul cibo ceco: o come farsi una buona pizza a Praga

Alzate le mani se avreste mai pensato di trovare una buona pizza napoletana a Praga.

Di solito, le persone che arrivano a Praga passano attraverso 3 fasi per quanto riguarda il cibo:

Ginocchio di maialeFase 1: curiosi. Siete appena atterrati e siete alla ricerca di una vera esperienza culinaria ceca: avete questa idea romantica di una taverna affascinante che cuoce cibo genuino con amore come faceva la nonna. Non vedete l’ora di provare qualcosa di nuovo ed curioso e magari, con la fortuna dei principianti, potreste anche avere la fortuna di capitare in uno dei pochi ristoranti che cucinano buon cibo tradizionale. Di solito il piatto sarà a base di carne, coperta di una qualche salsa marroncina e canederli ad accompagnarla. Il tutto innaffiato da una bella birra ceca. Nella maggior parte dei casi il cibo sarà “sanza infamia e sanza lode” e, se siete dei fan della birra, potreste essere colpiti dalla qualità della birra comunemente disponibile.

Fase 2: stanchezza. Siete qui da 3 giorni, magari è pieno agosto, avete voglia di qualcosa di leggero, un insalatina, ma trovate solo ristoranti che nel menu del giorno propongono una di ginocchio di maiale, goulash e salsicce. Sullo stomaco avete ancora il ginocchio di maiale della sera prima e pregate per qualcosa di normale, che non vi faccia sentire completamente senza forze dopo mangiato.

Fase 3: avversione. Ora avete incubi con ginocchia di maiale, costarelle e salsicce che vi inseguono. La sera prima per digerire avete dovuto farvi una Becherovka per digerire. Non volete una zuppa calda, è in agosto! Volete un po’ di insalata condita con l’olio di oliva e un cestino di pane bianco o un piatto di pasta ben cotta con salsa di pomodoro e una fogliolina di basilico.

Quindi il mio suggerimento ai turisti è: toglietevi dalla testa la cucina ceca, pensate ai monumenti e alla birra. Se proprio volete farvi una cena da campioni andate a mangiare un ginocchio di maiale ben cotto o delle costarelle al miele all’ U Sudicka, o piccolo goulash all’ U Ferdinanda. Non ostinatevi troppo ad avere una esperienza gastronomica Ceca, perché se c’è una cosa che è stata completamente spazzata via negli ultimi 50 anni, almeno nei ristoranti di Praga, è una passione per il servizio e il cibo cucinato con amore. Ovviamente sto generalizzando, ma dopo 5 anni a Praga devo ancora trovare un posto che serve cibo tradizionale che si potrebbe dire di essere alla pari con i buoni ristoranti internazionali, di cui invece Praga è piena.

Ma all’inizio di quest’articolo si accennava alla pizza. La cosa buona della pizza è che, oltre ad essere buona e ad avere prezzi popolari, a differenza del ginocchio di maiale, si può magiare tutti i giorni; inoltre i ristoranti che raccomandiamo, oltre ad offrire una buona pizza, propongono anche buoni piatti di pasta e comunque hanno un menu in grado di soddisfare tutti i gusti.

Ambiente Pizza Nuova
L’unico posto a Praga ad avere una licenza ufficiale di Pizza Napoletana. La crosta è spessa sul bordo e sottile nel corpo della pizza. La salsa di pomodoro è fatta con i San Marzano, ha colore rosso brillante e un sapore fresco: se non avete mai avuto nulla di simile vi accorgerete subito della differenza. C’è anche la bufalina (la pizza con mozzarella di bufala): una vera chicca. Il servizio è molto buono, veloce, cordiale. Il luogo vanta una ottima carta dei vini che copre quasi tutte le regioni d’Italia. La scelta, sia per la pizza che per la pasta, non è molto ampia ma tutto è ben cotto. Come dessert la panna cotta con cioccolato caldo fondente è da fine del mondo! E se avete veramente una fame da lupi chiedete il menu chiamato “Italian degustation menu” e potrete mangiare a prezzo fisso tutta la pizza e pasta che vorrete fino a scoppiare.

Indirizzo: Ambiente Pizza Nuova, Revoluční 1, Praha 1

Pepe Nero
Pepe NeroAlla fine del Pařížská, la via dei negozi di lusso che dalla piazza vecchia va verso il fiume, c’è un posto di cui spesso anche i praghesi ignorano l’esistenza. E guarda caso offre una delle migliori pizze in città. La popolazione di estimatori di pizza a Praga si divide fra i sostenitori di Ambiente e quelli di Pepe Nero. Quella di Pepe Nero è una variante della pizza in stile napoletano, che è un po ‘più sottile ai bordi, ugualmente deliziosa. I fini intenditori la chiamano stile “casertano”. Gli ingredienti anche qui sono di altissima qualità e l’offerta sia per la pizza che per la pasta è decisamente più ampia qui rispetto che ad Ambiente. Il servizio è buono e attento e questo, più di ogni altro, è il posto che più ricorda le classiche pizzerie in Italia.

Indirizzo: Pepe Nero, Bílkova 4, Praha 1

Rugantino
Calzone Noemi, RugantinoSebbene leggermente al di sotto della media degli altri due, anche Rugantino merita di essere ricordato. Ma la ragione risiede in una specialità di loro invenzione chiamata Calzone Noemi (nella foto) che dovrebbe essere in cima alla vostra lista quando avrete voglia di qualcosa di leggero. Il Calzone Noemi somiglia più a una versione leggera della piadina che a una pizza. L’impasto viene cotto e piegato (ma non chiuso) su se stessa e gli ingredienti sono tutti aggiunti dopo la cottura: prosciutto, mozzarella fresca, rucola cui potrete insaporire con dell’olio al peperoncino “atomico”!

Indirizzo: Pizzeria Rugantino, Dušní 4, Praha 1

2 Responses to Sul cibo ceco: o come farsi una buona pizza a Praga

  1. Per quanto riguarda la PIZZA hai perfettamente ragione … Ambiente e PEPENERO sono gli unici due posti dove la pizza e buona. Pero i ristoranti che fanno un’ottima cucina ceca ce ne sono parecchi. Per farTi un esempio Lokal (via Dlouha, e via Misenska) e un’ottima scelta. A Malostranska Beseda (Malostranske namesti) sanno cucinare. E se vuoi un posto economico con il servizio molto piacevole Ti consiglio la birreria Baterka (via Bilkova, di fronte al PepeNero).

    • lbolognini says:

      Ciao Guida di Praga, prima o poi ci dovremo incontrare! Quello di cui mi lamento per quanto riguarda il cibo ceco è che non ho trovato (ancora) un posto equivalente ad Ambiente per il cibo italiano ovvero un posto dove non si fanno i fuochi d’artificio in cucina ma in cui si mangia bene e si spende il giusto. La qualità varia troppo: fra chi precuoce le ginocchia di maiale oppure semplicemente fa tutto troppo salato, troppo pepato, etc… un posto insomma dove in cucina ci siano cuochi veri e che cucinino le ricette della tradizione con orgoglio e passione puntando alla qualità e meno alla scorciatoia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

css.php